Approfondimenti

NORMATIVA

LINK

FAQ

Come definire l’agricoltura biologica

L’agricoltura biologica è un sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell’ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti nel rispetto del ciclo della natura. L’azienda agricola biologica è un unico “agro-eco-sistema” nel quale l’attività dell’uomo si inserisce utilizzando tecniche rispettose della fertilità del suolo, delle singole colture, degli animali e dell’equilibrio ambientale: tali tecniche escludono l’impiego di concimi, fitofarmaci e medicinali veterinari chimici di sintesi, e Organismi Geneticamente Modificati (OGM). www.sinab.it

Che differenza c’è fra prodotti biologici e convenzionali?

Entrambi rispondono a requisiti imposti dalle cogenti normative sui prodotti agroalimentari e pertanto allo stesso modo possono essere reperibili dai consumatori in tutti i punti vendita nazionali. Relativamente ai prodotti biologici si collocano su quella fascia identificata come “prodotti di qualità” e ciò perché si riconosce al metodo di produzione un plusvalore dato dal sacrificio del produttore a voler seguire un regolamento restrittivo che, ad esempio, bandisce i prodotti chimici di sintesi, non consente l’impiego di ormoni o OGM, salvaguarda l’ambiente e la salute umana, preserva il benessere animale, etc. Al gusto potranno risultare delle sostanziali differenze come la carne che si presenta più dura per via del maggior periodo di pascolamento ma anche più saporita; sapori più forti poiché non si usano aromi chimici ma naturali, in alcuni casi di aspetto meno bello come la frutta perché colpita più duramente dagli insetti, ma nello stesso tempo più dolce poiché si rispetta il periodo di raccolta etc.

Chi mi assicura che i prodotti che compro siano veramente Bio?

Le aziende che scelgono di operare nel settore del “Bio” decidono volontariamente di assoggettarsi ad un Organismo di Controllo (OdC) autorizzato dal MiPAAF e di seguirne le indicazioni. L’OdC provvederà a controllare che le aziende seguano scrupolosamente le normative uniformate in tutta la comunità europea (Reg. CE n.834\07 e 889\08) in materia di agricoltura biologica, sottoponendosi alle analisi di prodotto, terreno o quant’altro e lasciando accesso agli ispettori per tutte le operazioni di controllo. Il prodotto venduto come “Biologico” sarà sempre accompagnato da etichetta o da certificato rilasciato dall’ OdC incaricato.

Il sistema di controllo che porta alla certificazione del prodotto è un sistema valido?

Il sistema di controllo Biologico rappresenta uno dei primi modelli di tracciabilità e rintracciabilità di prodotto in Italia. Nessun altro sistema ha infatti così tante limitazioni ed obblighi tali da rendere il prodotto tra i primi in termini di sicurezza alimentare. Questi alimenti, oltre alla cogente legislazione sull’etichettatura, devono obbligatoriamente inserire ulteriori informazioni come previste dal reg. (CE) 834/07. Gli stessi enti di controllo sono soggetti a verifiche da parte del MIPAAF e della Regione e devono rispondere a requisiti di accreditamento verso speciali enti quali ad esempio Accredia.

Perché i prodotti bio costano di più?

Il metodo biologico impone al produttore di coltivare impiegando tecniche che si avvalgono più di lavoro manuale che meccanico: ad esempio la non praticabilità del diserbo chimico induce l’uso di manodopera che aumenta i costi di produzione. Inoltre i concimi organici, che pur migliorano la struttura del terreno, hanno costi rilevanti e sono lentamente assimilati dalle piante così come i trattamenti a base di prodotti naturali non sono incisivi come quelli chimici. Da non sottovalutare anche l’aspetto dei costi che occorre sostenere per la certificazione. Tutto ciò si traduce in una minore resa produttiva rispetto al convenzionale e da qui la necessità di compensare con un aumento unitario del prezzo dei prodotti finiti. Si può affermare che è plausibile una percentuale di incremento del prezzo, rispetto al convenzionale, variabile da +5 a +20% in funzione della tipologia di prodotto. È anche vero però che questi costi dovrebbero essere considerati come il prezzo per la qualità del prodotto che è stato realizzato secondo principi nobili come la protezione ambientale, il benessere degli animali e un miglioramento sociale ed economico di un tessuto sociale costituito da tante piccole aziende familiari poste in zone di collina e montagna, che grazie a questo metodo possono ancora essere competitive sul mercato.

I prodotti biologici sono più sicuri degli altri prodotti alimentari e bevande convenzionali?

Gli alimenti biologici sono prodotti con gli stessi standard di sicurezza degli altri alimenti ed aderiscono alla legislazione europea e nazionale sugli alimenti. La differenza è che, anziché inserire prodotti chimici nella produzione/trasformazione degli stessi, si usano tecniche e sostanze alternative. Inoltre invece di usare conservanti e aromi aggiunti, gli agricoltori biologici e gli addetti alla trasformazione cercano di mantenere il prodotto il più fresco possibile, concentrandosi nella produzione di prodotti a carattere stagionale.

I prodotti biologici hanno un sapore differente da altri alimenti o bevande?

Alcuni consumatori sostengono che i cibi biologici abbiano un sapore migliore, anche se diversi studi all’interno dell’UE sull’analisi del sapore relativo ai cibi biologici e non biologici non evidenziano alcuna prova decisiva per supportare tali affermazioni. A nostro avviso è possibile affermare che tali prodotti hanno un sapore genuino, perché sono realizzati in maniera naturale.

Dove posso comprarli in tutta sicurezza?

Direttamente dagli spacci delle aziende certificate, nei mercati contadini, attraverso i Gruppi d’acquisto solidale, usufruendo delle vendite con consegna a domicilio, oltre che nei supermercati normali o negozi specializzati. I prodotti biologici oggi vantano una rete di vendita molto vasta e varia che consente al consumatore una scelta ampia. Nostro consiglio è sempre quello di reperire direttamente i prodotti dal produttore, accorciando così la filiera e risparmiando anche sul prezzo di acquisto.

Perché comprare prodotti biologici?

Perché sono sani, sicuri, genuini e rispettosi della salute umana e dell’ambiente.

Progetto di promozione "NutriBio: Mangiare Consapevolmente" realizzato da Orizzonte Campagna in ambito della Misura 3, Operazione 3.2.01 - P.S.R. 2014-2020
per approfondimenti
Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi